una storia d’Amore

È una storia d’Amore, perché in fondo che cos’è l’Amore se non una grande forza che ci spinge a dare qualcosa incondizionatamente, senza considerare l’equilibrio tra cosa va e cosa viene.

Sono state settimane al limite dell’incredibile, per tanti motivi diversi, ma tutti determinati dalla forza.

La forza di una Donna che conosceva il suo destino e che ha tracciato la strada per giungere a destinazione; la forza di una Signora che ha lottato per la sua dignità e non per il suo sollievo; la forza di una Mamma che ha chiamato i suoi figli per inerpicarsi su un aspro sentiero insieme; la forza di una Nonna che ha spalancato il cuore dei suoi quattro nipoti (tre nipoti e un “nipotaccio”); la forza di una Zia che ha voluto salutare tutti i suoi affetti; la forza di una Cognata che ha condiviso il suo cammino come ha fatto da sempre; la forza di un’Amica educata, rispettosa e sempre sincera; la forza di una Suocera che ha amato e rispettato tutti come propri figli; la forza di uno Spirito libero che ha sempre aperto la sua porta a tutti a patto che poi però sapessero guadagnarsi la sua stima; la forza di una Cuoca che ha soddisfatto tutti i gusti con una serena semplicità; la forza di una Moglie che dopo tanti anni, ancora ha rivolto un pensiero d’Amore meraviglioso poco prima di ritirarsi; la forza di una Famiglia che condivide gli stessi valori; la forza di Figli e Nipoti e dei nostri Compagni di vita uniti tutti sotto un unico Noi; la forza dell’Amicizia e dell’Affetto di parenti ed amici che hanno portato tanta energia; la forza del Rispetto che ha aiutato a prendere decisioni difficili; la forza di Volontà che piano piano si è insinuata in tutti coloro che hanno condiviso questo viaggio; la forza di un Ottobre di sole che ha illuminato la camera da letto come illuminava le lunghe passeggiate che Brunilde tanto ha amato.

La forza della Dide che ha dato tanta forza anche a Noi.

Brunilde ci ha insegnato ancora qualcosa, ci ha mostrato cos’è la dignità e quanto importante sia difenderla, fino alla fine; ci ha mostrato quanto siano importanti certe persone e averle al proprio fianco, anche non fisicamente, ma averle lì; e quanto sia superfluo invece averne intorno altre incapaci di portare anche una sola briciola di quel che serve.

Noi forse sul momento non ce ne siamo accorti, ma oggi sappiamo di avere aperto la porta a tutti, anche a sconosciuti che in un attimo, senza che glielo chiedessimo, hanno trasformato la loro briciola in un bel pezzo di pane, e siamo tanto felici di averli avuti al nostro fianco; al contempo, forse, avremo qualche porta da accostare.
Così come avrebbe fatto Brunilde.

Ciao Mamma
Sarai sempre con Noi

D_23 Resized

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

https://gicojuice.files.wordpress.com/2015/10/02-vincent-starry-starry-night-live.m4a

ImperiaNoVela (English version)

6After having read the piece published by ImperiaPost on the request of discussion about Assonautica Imperia and Vele d’Epoca during the next City Council raised by Councilman Mr Casano, I took the opportunity to write and publish a letter to explain my standpoint around this matter, because I’m feeling the issue is not clear enough and every discussions or talks I’m hearing are reductive.

_FTC8646 copia ResizedThe letter has been addressed to the Mayor and City Board, the City Council, the Chairman of the Imperia Chamber of Commerce, the Assonautica Board, the Chief of Coast Guard of Imperia and the local news editors.

7

The title is a wordplay about sailing (Vela in Italian), inspired by my friend Gianluca during a chat around this difficult situation, trying to recall the latinian TV series with 5000 episode and never ending stories, called telenovelas: ImperiaNoVela.

Here below the text of the letter.

Per la versione in Italiano clicca QUI

ImperiaNoVela

Dear Madams, dear Sirs,

following what published on local webnews on the request raised by Mr Casano (thank you Mr Casano for your interest) to talk about Assonautica Imperia and Vele D’Epoca during the next City Council session, I’m sending you this letter as Citizen of Imperia, professional in the Marine industry, Sea passionate and last but not least Board member of Assonautica Imperia, to clarify my standpoint on the complicate situation of Assonautica Imperia, situation explained in several circumstances and places but still confused.

Assonautica Imperia is a very important and interesting resource into our Community, this is why I need to express my point of view, in order to clarify as much as possible the sad situation composed by many different implications, touching everybody, also who thinks is not involved.

Unfortunately, although (and finally) some attention has been expressed, I observed that also this time the only topic highlighted was the Vele d’Epoca, important matter for sure, but as already explained in many circumstances, are not only the Vele d’Epoca involved in this issue.

Circumscribe the discussion to Vele d’Epoca only in the eventuality of City Council session will be even more reductive, looking at the big picture of the opportunity missed and wasted.

Calata Anselmi2Introduction

The Team

I embraced with enthusiasm the invitation to join the Team of Assonautica Imperia because I saw a huge potential and I got the impression that the ground was fruitful to give a quality boost to the marine and nautical development in our zones. I’m into the Nautical world for 30 years now (participating already in the Board of Assonautica and some Sailing Club in the past) and Sailing is my passion and Sailing Industry my job; so I’m not new to these kind of experiences, but this time I really felt something more: a real group, with the right mix, rich in knowledge, competences, dedication, in other words a very special powerful Team.

The offer

In a period when Nautical and Marine activities are in deep crisis everywhere, and in our Town too, becasue of incompetencies, wrong decisions and missed opportunities, making available work, ideas and projects of a so strong Team was seeming something to be pounced on. The mandate of Assonautica Imperia Board proposed to association’s Members when elected was certainly ambitious and challenging but very clear: the Mission was to be the fly-wheel of development, improvement, spreading and support of nautical and marine activities in the Province, building the necessary facilities, without duplicating what already existing. We have driven this mandate proposing an idea and the relevant project that, placing the Vele d’Epoca among many other opportunities to work on, stretched from the marine Culture, to the sport and management of sport and turistic events, pull alongside the Vele d’Epoca other new high-level events to create appeal and revenue not only every other year but with more frequency. We were not asking anything in return for it, just the right spaces needed for above activities and to manage some moorings to support Assonautica and re-invest all revenues into new facilities, premises and activities. We didn’t ask for money or public contributions, just the opportunity to access to manage the docks of Calata Anselmi (through the available legal-administrative ways and solutions), the historic location of Vele d’Epoca, a minimal requirement compared to the return generated for our Community. We just asked to make Assonautica Imperia independent, to weigh less and less on the public contribution and to be at entire service of the Community at a cost close to zero for it. I would also highlight new spaces and facilities would have been openly available for all Associations operating in the field, because our idea/project was not considering to substitute to them, but give them an outlet for their potential.

2015-01-15 11.11.34 ResizedWhy the stop to Assonautica’s project

The lack of will

Also if the (very few) answers we received (often disguised by strategic silences) are all about bureaucracy or the legal-administrative juncture of the Marina of Porto Maurizio, is cristal-obvious that the stop to this project came from a lack of will or from a different will, (depending of the point of view) becasue solutions and positive situations to discuss the problem and find the key were available, and are available. Bureaucracy is an easy shield to avoid discussion and bounce back problems.

Direct lack of will by City Board that clearly didn’t aim to embrace this idea/project.

Indirect lack of will by Chamber of Commerce that would have helped and supported more Assonautica Imperia through these steps.

In this context we have got only the attention and support of Coast Guard of Imperia that, among their competencies and jurisdiction, they have been always open and available to look for necessary solutions.

The unsatisfactory answers

As said above, hidden behind the excuse of bureaucracy, the Mayor (also appointed to Port management), also if initially gave precise addresses on where develop our project, suddenly changed route without offering alternatives, de facto blocking any progress. Changing mind is ok, of course, but the way has been done and the following closure to further discussion is at least inexplicable.

The City Board, although some Members were aware of the situation, they never openly express enough attention and they never approach the problem inside the Board to stimulate productive discussions.

The City Council, also I presume they are all aware of it, considering since last December the local news talks about it, expressed little interet just in very few occasion until today with Mr. Casano letter, the very first time someone raise an hand.

The Chamber of Commerce just hold on waiting without any interaction.

The misunderstanding

The set of problems here have been always reducted to the Vele d’Epoca matter, an important one for sure, but not the main one. The Assonautica Team was called to work on much more wide Mission, that beyond the Vele d’Epoca, was envisaging the improvement of activities around Sailing, Windsurfing and Surfing (school, leisure, recreational, sports, sports events, packages for Teams and groups), reintroduces disappeared activities as Rowing and Kayaking (both at sport and recreational levels), top-level events organization similar to Vele d’Epoca, sinergies with the Naval Museum, the Nautical High School “Andrea Doria”, the shipyards, looking to develop tourism and to recover the historical marine culture and traditions, creating also new and bigger job opportunities. Too bad, everything has been reduced to talks only around the Vele d’Epoca, an easy thing to solve if approached in time with the necessary knowledge.

The lack of Vision

While the Assonautica Team is having a clear and firm Vision and Mission to achieve, outside there isn’t any wide, shared and sharp Vision of where they want to go, and this creates a huge difficulty to engage with the Institutional side about the project we were working on. Unfortunately every situation is treated as an isolate one and so there is no way to have proactive, dynamic talks and discussion starting from an idea and arriving to a result. A small but serious example is when Assonautica had been forced to dismantle all the structures built for IWR2014, wasting a remarkable investment instead making it fruitful for the Community.

Newport1 ResizedWhat I see today

The missed opportunity

As Member of Assonautica Board and Imperia Citizen I found extremely negative the address of closure and stop of this project because it was a great opportunity for the whole Community. Great opportunity because against an investment in spaces and a “change of management” of some berths (on the other hand not particularly profitable now) the Community would have got back a lot in terms of revenues, collateral activities and the image of the City and the Marina. All this without using public money but using private investments: just to highlight at today Assonautica Imperia is already living with the 80% of her resources coming from private sectors.

The frustration

All above grew in me a wide sense of frustration, seeing the huge (and I want to underline huge) investment done, investment of intellectual work, brain power, time and personal sacrifice, all energies that didn’t bring a result.

Resuming, these above are the reasons of the problem around Assonautica Imperia, to clarify the missed opportunity came only from the indifference and the lack of interest that surrounded, and still surround, ourselves. This indifference, with some presumption of people that needs help but refuses it, is also going very close to be lack of respect and consideration to other people’s work, knowledge, time and life.

My contribution is stimulated by a strong civic-mindedness and the will of help in revamp and cheer up a Community these days in a critical and difficult situation, but this Institutional deafness today is not allowing me to continue wasting my Time, that is the only treasure I have available.

Imperia – July 27th, 2015

Best RegardsDSC_0068 - Versione 2 Resized

ImperiaNoVela

6A seguito dell’intervento del Consigliere Comunale Dott. Casano sulle problematiche relative a Assonautica Imperia e Vele d’Epoca, ho deciso di scrivere e pubblicare una lettera per esporre il mio punto di vista sulla questione, perché continua a esserci poca chiarezza attorno a questo problema e le discussioni che affiorano sono a mio avviso molto riduttive.

_FTC8646 copia ResizedLa lettera è stata indirizzata al Sindaco e alla Giunta Comunale, al Consiglio Comunale, al Presidente della Camera di Commercio di Imperia, al Direttivo di Assonautica Imperia, al Comandante della Capitaneria di Porto di Imperia e alle testate giornalistiche locali.

7Il titolo, e qui ringrazio Gianluca con il quale abbiamo sorriso (per non piangere) sulla triste situazione, vuole racchiudere la storia di un problema che a Imperia ha già raggiunto 5000 puntate, o forse più, ma del lieto fine neanche l’ombra: ImperiaNoVela

Ecco il testo della lettera.

To read the ENGLISH version, please click HERE

Oggetto: ImperiaNoVela

Gentili Signore e Gentili Signori,

facendo riferimento a quanto appreso dai notiziari online riguardo alla richiesta del Consigliere Dott. Casano, che ringrazio per l’attenzione, di discutere l’argomento Vele d’Epoca nel prossimo Consiglio Comunale, in qualità di Cittadino imperiese, operatore nel settore dell’industria nautica, appassionato del Mare e altresì Consigliere di Assonautica Imperia, vi invio la presente per chiarire il mio punto di vista sulla situazione di Assonautica Imperia che, nonostante sia stata spiegata a più riprese, sembra sia ancora confusa.

Visto l’interesse e l’importanza che Assonautica Imperia ricopre all’interno della nostra Comunità, sento di dover esprimere la mia posizione, con lo scopo di chiarire fin quanto possibile questa triste situazione che tocca tutti, anche coloro che potrebbero sentirsi non coinvolti, visti i numerosi risvolti di cui è composta.

Purtroppo, nonostante e finalmente sia stato espresso un certo interessamento alla questione, ho dovuto constatare che anche in quest’occasione tutta la problematica è stata riportata alle sole Vele d’Epoca, ma come già spiegato in più sedi non sono le sole Vele d’Epoca ad essere coinvolte.

Circoscrivere la discussione alle sole Vele d’Epoca nell’eventualità del Consiglio Comunale sarà oltremodo riduttivo, vista la grande opportunità gettata al vento.

Calata Anselmi2Premessa

La squadra

Ho accolto con grande entusiasmo l’invito a unirmi alla squadra di Assonautica Imperia in quanto avevo visto un’enorme potenzialità e avevo avuto l’impressione che il terreno fosse fertile per dare un’accelerata e una spinta di qualità allo sviluppo della nautica nel nostro territorio. Gràvito nel mondo della nautica da trent’anni circa (durante i quali sono già stato consigliere sia di Assonautica in passato, sia di Club Velici della Città) e la Vela oltre che la mia passione è anche il mio lavoro; per cui nonostante non sia nuovo a esperienze di questo tipo, questa volta avevo visto qualcosa in più: una vera squadra ricca di competenze, di conoscenza e di determinazione, insomma un potenziale veramente speciale.

L’offerta

In un momento in cui la nautica è in crisi a livello generale, e nella nostra Città specialmente a causa del protrarsi nel tempo di incompetenze, decisioni sbagliate e opportunità non sfruttate, mettere a disposizione il lavoro, le idee e i progetti di una squadra così forte sembrava qualcosa che sarebbe stato colto al volo. Il mandato che il Consiglio Direttivo di Assonautica Imperia ha proposto ai soci e per il quale è stato eletto era forse ambizioso, ma molto chiaro: essere da volano per lo sviluppo, il miglioramento, la diffusione e il supporto alle attività nautiche in Provincia, strutturando dove necessario, senza duplicare quanto esistente. Abbiamo interpretato questa Missione proponendo un’idea e un relativo progetto che, facendo delle Vele d’Epoca una delle tante opportunità su cui lavorare, spaziasse dalla cultura nautica, all’agonismo, alla gestione di eventi sportivi e di richiamo turistico, affiancando alle Vele d’Epoca altre manifestazioni analoghe in modo da creare richiamo e indotto non solo una volta ogni due anni, ma con più regolare frequenza. Non si chiedeva nulla in cambio, se non gli spazi necessari sia allo svolgimento delle suddette attività, sia alla gestione di alcuni ormeggi al solo scopo di sostenere l’Associazione e re-investire i proventi nelle strutture necessarie e nelle attività. Non abbiamo chiesto soldi o contributi, ma la possibilità accedere alla gestione di Calata Anselmi (attraverso le vie e gli strumenti legali amministrativi disponibili), molto poco in confronto al beneficio che il territorio avrebbe avuto. Abbiamo chiesto solo la possibilità di rendere Assonautica Imperia autonoma, per gravare ancora meno sulle spalle della contribuzione pubblica e per essere a servizio della Comunità a costo pressoché nullo. Tengo a precisare che spazi e strutture sarebbero state a disposizione di tutte le Associazioni che operano nel settore, di tutta la Provincia, e che il nostro progetto non prevedeva di sostituirci a chi da sempre combatte in questo settore, ma di dar loro lo sbocco e liberarne le potenzialità

2015-01-15 11.11.34 ResizedLe ragioni dello stop al progetto Assonautica

La mancanza di volontà

Anche se le (pochissime) risposte che abbiamo ottenuto (trasformate spesso in silenzi strategici) tirano in ballo la burocrazia o la congiuntura legale-amministrativa del bacino portuale di Porto Maurizio, è lampante che lo stop al progetto sia arrivato solo per mancanza di volontà o per diversa volontà (a seconda dei punti di vista) perché le soluzioni e le situazioni positive alla discussione dello stesso c’erano e ci sono tutt’ora. La burocrazia è un facile scudo da usare per rimbalzare ed evitare le discussioni.

Mancanza di volontà diretta dell’Amministrazione Comunale di Imperia che non ha voluto abbracciare questa opportunità.

Mancanza di volontà indiretta della Camera di Commercio di Imperia che avrebbe potuto interessarsi di più e aiutare Assonautica in questa fase.

In questo panorama abbiamo invece ricevuto attenzione e supporto dal Comando e dagli uffici della Capitaneria di Porto di Imperia che, per quanto di loro competenza, hanno sempre dimostrato apertura e disponibilità alla risoluzione delle problematiche in essere.

Le risposte insufficienti

Come già accennato, trincerato dietro la scusa della burocrazia, il Sindaco e Assessore ai Porti, che inizialmente ci aveva dato precise indicazioni su dove sviluppare il nostro progetto, ha improvvisamente cambiato idea senza affrontare un discorso costruttivo alternativo, di fatto precludendo qualsiasi progresso. Cambiare idea è lecito, ci mancherebbe, ma il modo e la successiva totale chiusura sono risultati a dir poco incomprensibili.

La Giunta Comunale, nonostante alcuni componenti fossero al corrente di quanto stava succedendo, non ha evidentemente mai espresso un sufficiente interesse o provato ad esprimere nelle sedi amministrative diversa opinione o stimolare costruttive discussioni.

Il Consiglio Comunale, nonostante presumo sia informato visto che comunque da Dicembre gli organi locali di stampa descrivono questo problema, ha espresso solo sporadico interesse (sporadico fino ad oggi) e comunque mai dall’ala della maggioranza.

La CCIAA è stata alla finestra, a guardare gli eventi.

L’incomprensione

L’essenza della problematica qui esposta è stata sempre ridotta alla questione Vele d’Epoca, questione sì importante, ma non principale. La squadra di Assonautica era chiamata a lavorare su un progetto ben più ampio, che oltre alle Vele d’Epoca, prevedeva il potenziamento delle attività legate alla Vela al Windsurf e al Surf (scuola, diporto, ricreazione, agonismo, eventi sportivi, turismo sportivo, stage per squadre sportive), al rilancio di attività scomparse nel tempo come la Canoa ed il Canottaggio (sia a livello sportivo che ludico/ricreativo), organizzazione di eventi del calibro delle Vele d’Epoca, sinergie con il nascente Museo Navale, con l’Istituto Nautico Andrea Doria, con i Cantieri Navali in un’ottica di sviluppo turistico e di recupero della cultura marinara e nautica, e della creazione di nuove o maggiori opportunità di lavoro. Invece, il tutto è stato ridotto a una sterile discussione sulle sole Vele d’Epoca, problema di facile risoluzione se affrontato in tempo con le necessarie competenze.

La mancanza di una visione

Mentre in Assonautica la Visione e la Missione della squadra al lavoro è estremamente chiara, al di fuori non esiste una visione ampia e aperta su dove si voglia andare e su cosa si voglia raggiungere, e questo determina una grossa difficoltà a relazionarsi con la parte istituzionale sul progetto su cui stavamo lavorando. Purtroppo ogni situazione viene affrontata a singoli comparti stagni (vedi sopra il problema “progetto generale-capitolo Vele d’Epoca”) e dunque non c’è modo di costruire dinamicamente un progetto partendo da un’idea ed arrivando al risultato. Esempio piccolo ma eclatante (e pesante per Assonautica) il montaggio e lo smontaggio degli scivoli e dei pontili usati per IWR2014, l’ennesimo investimento non messo a frutto (sprecato).

Newport1 Resized

Cosa vedo oggi

La mancata opportunità

Come Consigliere di Assonautica e come Cittadino ho trovato profondamente negativo l’indirizzo di chiusura e affondamento di questo progetto in quanto rappresentava un’opportunità d’oro per tutta la nostra Comunità. Opportunità d’oro perché a fronte di un “investimento” in spazi e al “cambio di gestione” di alcuni posti barca (peraltro ultimamente poco utilizzati) ci sarebbe stato un ritorno sia di immagine (per la Città e per il Porto), sia di indotto sul territorio, sia economico, il tutto senza la necessità di attingere alle casse pubbliche ma con l’intento di finanziare in via privata (come del resto già succede in Assonautica: le risorse di cui dispone sono private a tutt’oggi per 80%)

La frustrazione

Tutto quanto riportato sopra mi ha prodotto un senso altissimo di frustrazione, nel vedere l’enorme (e voglio sottolineare enorme) investimento che è stato fatto, investimento intellettuale, di tempo e di rinunce che purtroppo non ha portato a nulla.

Queste dunque le ragioni del problema generatosi attorno ad Assonautica Imperia, a chiarimento anche del fatto che la mancata opportunità è dovuta al completo disinteresse che ci ha circondato, e che ci circonda tutt’ora, disinteresse che, unito a un po’ di quella presunzione di chi non si vuol far aiutare quando ne ha un estremo bisogno, rischia anche di oltrepassare il confine del rispetto del lavoro svolto e della conoscenza spesa.

Il mio apporto è stimolato da un forte senso civico e di volontà nel cercare di aiutare a risollevare situazioni a dir poco complicate, ma la sordità istituzionale oggi non mi permette più di continuare a sprecare il mio Tempo, l’unica ricchezza di cui dispongo.

Imperia, 27 luglio 2015

Cordiali Saluti

DSC_0068 - Versione 2 Resized

… non ci sono scuse.

1Il titolo l’ho preso dalla conclusione di un articolo scritto un anno e mezzo fa, che si intitola boe e che, se avete voglia, potete leggere come prefazione a questi miei nuovi pensieri.

Ci sono dei sogni destinati a rimanere dei sogni, e che vivono con noi per sempre, perché non sono realizzabili o perché non sono di nessuna utilità ma, per noi sognatori, è giusto che colorino la nostra fantasia e ci diano lo spunto per pensare, in continuazione, a quanto si possa fare nella Vita.

6Poi ci sono dei sogni che invece sono realizzabili, anche questi vivono con noi per tutta la vita, e sono altrettanto importanti per ogni sognatore, specialmente se poi si sono realizzati, perché ci ricordano che si possono raggiungere tanti risultati, se ci si applica con passione e con dedizione, con costanza e con volontà.

Volontà, è il centro di questo articolo, ma è anche il centro dell’essere effettivi nella propria vita, di essere efficienti nel proprio lavoro, nell’essere concreti nei propri progetti.

E qui veniamo al dunque, parlando del perché il vecchio “boe” è tornato così attuale, dopo più di un anno e mezzo, del perché non si sono scuse e non possono esserci.

Con passione e dedizione, con costanza e con volontà si era finalmente aperta una3 speranza per iniziare a sviluppare tutta una serie di attività legate al mare, in primis, solo per una precedenza temporale, alla Vela da usare come volàno per crearne di nuove. Un sogno che in tanti inseguivano, chi prima e chi dopo, da decine di anni, lasciando sulla strada milioni di euro (sì, ragazzi, milioni di euro) di possibili investimenti, puntualmente affondati nella miopia generale e tramutati in emorragie di denaro e di risorse mai messe a frutto.

5Finalmente si era aperta una speranza, finalmente era nata un’idea slegata da tutte quelle antipatie da osteria, al di fuori dagli interessi (personali ed economici) che per anni hanno afflitto la potenziale crescita della città, finalmente era nato un progetto mirato a unire e non a dividere, un progetto mirato a crescere e non a implodere. Un progetto che non chiedeva nulla in cambio, se non che la Città dimostrasse la volontà di farlo partire.

E invece ieri, nonostante le richieste presentate che non avrebbero impegnato nessuno, né guastato nessun altro progetto, tantomeno avrebbero creato problemi, ma solo portato qualcosa alla nostra comunità, abbiamo assistito ad un funerale al posto di quello che sarebbe potuto essere un battesimo di una nuova opportunità per Imperia.

7E’ un problema di volontà: mi appare evidente che il disegno sia diverso.

“E quando arrivi a terra vedi le facce di tutti i regatanti che credevano in te, sicuri che avresti buttato giù le boe in tempo, per fare quella prova fantastica, regalata dal vento che finalmente è girato, la prova decisiva, quella che porta lo scarto in classifica, facendola diventare giusta ed equilibrata. E quelle facce sono scure, deluse e arrabbiate: il vento c’era, le boe no ….

… non ci sono scuse.”4

Grazie per le foto di IWR 2014:

a Franco Lacqua

a Paolo Cugudda ©, a sostegno di AIDMED Onlus – Associazione Italiana Distrofia Muscolare di Emery Dreifuss

città moderna


I
 giorni scorsi mi hanno lasciato con un sacco di pensieri, ma ce n’è uno in particolare, completamente slegato dagli avvenimenti socio-politici, che gironzola tra le curve del mio cervello. E come tutti i miei pensieri alla rinfusa, quando viene solletticato, si attiva portandomi a fare un po’ di ragionamenti.

amsterdam_bikesHo camminato a piedi per due giorni, muovendomi da Porto a Oneglia e viceversa, parecchie volte al giorno. Ok, devo dire che mi piace camminare e per principio uso la macchina solo quando non posso farne a meno, per cui questo stop forzato della circolazione non mi ha scioccato, né penalizzato troppo: come ho già avuto modo di dire, per questo frangente, sono un “ragazzo” fortunato.

Ma non era la stessa cosa: solitamente cammino a fianco di macchine che sfrecciano per le strade e pochi autobus male organizzati che fanno la spola tra alcuni punti nevralgici della città, o facendo la gimkana tra le auto che disperatamente cercano un parcheggio non più lontano di 50 metri dal punto che deve essere raggiunto. E di solito sviluppo la mia (personale) convinzione che a Imperia non esista il traffico e non esista un problema di viabilità: forse perché ho la fortuna di frequentare certi posti dove per fare 10 km impieghi un’ora, se ti va bene, e dove se cammini per la strada torni a casa con i polmoni neri di smog; ma dato che l’essere umano deve per forza crearsi un problema da risolvere, a Imperia abbiamo deciso che se non usi la macchina per percorrere due kilometri non sei contento, e quindi, disquisiamo di traffico e parcheggi.

Oslo toll ringA parer mio, le città moderne sono quelle che per tradizione o buonsenso hanno limitato il numero delle macchine: a Oslo se vuoi entrare in città guidando devi pagare un ticket (sì, c’è un casello come quelli dell’autostrada), oppure parcheggi fuori e ti muovi in altro modo. A Copenhagen e Amsterdam più della metà delle persone si spostano in bicicletta, anche d’inverno (abbiamo un’idea della differenza tra i nostri inverni e quelli di Copenhagen?).  A Venezia le strade per le macchine non le hanno neanche fatte (ma poi da buoni Italiani fanno passare i transatlantici nel Canal Grande … ).  A Toronto le autostrade attorno alla zona urbana hanno corsie preferenziali per le macchine con 3 o più persone a bordo, e se sei da solo, devi stare in coda. Nel centro di molte città se non hai un garage o un posto auto, non puoi accedere (proviamo ad andare a Montmartre con la macchina … ). Importanti scienziati hanno ormai decretato che non serve fare strade più larghe, ma occorre ridurre il numero di macchine, perché una strada larga, semplicemente, porta più macchine in un punto che però non le può assorbire (la “Superstrada” a Imperia è l’esempio clou).

cyclists-in-copenhagenTorniamo allo stop forzato dei giorni scorsi: ho camminato per una città piena di gente che andava a piedi (spesso ansimando), dove i parcheggi erano tutti liberi,  e dove l’aria era respirabile: tutta un’altra storia. E allora mi domando, se tutti coloro che possono non usassero più la macchina, lasciando la strada a chi invece ne ha bisogno, se le nostre Amministrazioni ci dessero dei buoni servizi pubblici accessibili, organizzati e puntuali, spingendoci, esortandoci (e dandoci l’esempio) a usare meno le macchine, se sfoderassimo delle belle biciclette, anche quelle elettriche, per esempio, e se veramente limitassimo la possibilità di circolazione, quale problema insormontabile si troverebbe di fronte la Città? Risposta: nessuno. Ne guadagneremmo in salute, potremmo chiudere il Centro (i Centri), non avremmo bisogno di strade alternative (quelle che ci sono sarebbero sufficienti), e soprattutto le botteghe di quartiere tornerebbero di moda!

Farebbe così schifo?

sono pronto per la cena dei Cretini

Aspetto solo l’invito .. ormai sono agibile per una vera Cena dei Cretini (chi non ha visto il film farà fatica a capirmi oggi .. solo oggi?).

Potrei parlare per ore della mia nuova passione per i semini: ormai anche Mari inizia a guardarmi con un espressione vagamente canzonatoria quando mi vede trafficare. E’ che mi dà un senso di orgoglio vedere una piantina spuntare dalla terra, proprio da quel semino che ho faticosamente accudito per settimane, prima di ficcarlo nel vasetto-incubatrice, al tepore della serretta portatile.
Comunità vegetale2 ResizedE’ iniziato tutto qualche anno fa, 5 o 6 semi di un arancino da arredamento, messi per gioco in un bicchiere prima, in un vasetto poi, e trovando una mattina tre minuscole piantine che fanno capolino. E allora perché non provare con dei microscopici semini di un dragonfruit (se non lo conoscete vi tocca un giro su Google), e scoprire che buttano fuori setto o otto strani personaggi vagamente spinosi; e preso dalla foga ripetere l’esperienza con il limone (ne ho 5 ora), il caco (attendo), la mela (ripetuto due volte, il primo non ha dato segni di vita), l’ oliva (appena messa), e un pomelo (vi ritocca Google)….
Sono tutte una diversa dall’altra, eppure vengono dallo stesso frutto, crescono nella stessa terra, bevono la stessa acqua, sono infestate dalle stesse lumache (maledette lumache si sbranano tutto), prendono lo stesso sole: una è alta l’altra è corta, una è glabra l’altra ha un sacco di getti, una è rigogliosa e l’altra è rachitica, una sembra seccare e l’altra sembra rinascere.
Questa piccola comunità vegetale, nonostante la sua varietà di razze e caratteristiche, vive in un ambiente molto equo: tutte hanno diritto alla luce dello stesso sole, tutte si prendono lo stesso freddo, tutte prendono l’acqua dallo stesso innaffiatoio, tutte si prendono le coccole quando vado a salutarle ..
Perché a noi esseri umani, invece, riesce così difficile accettare questa specie di equità? Lasciamo perdere l’utopia delle mie piantine, perché l’essere umano non è un dragon fruit che cresce al Parasio, e io non sono qui a sognare un mondo equo al 100%, preferisco sognare con un pochino di egoismo, se non altro per soddisfare il piacere del sogno, ma continuo a chiedermi perché neanche l’idea venga accettata con una certa naturalità.
Perché è di equità che stiamo parlando qui, non stiamo parlando di soldi, o di ricchezza, o di potere, stiamo parlando di avere accesso alle stesse opportunità, tutti, allo stesso modo: dopodiché saremo come le mie piantine, tutti diversi, cresciuti secondo le nostre capacità e le nostre caratteristiche.
Ma non va così: la nostra società funziona in un modo diverso; che sia per carattere, che sia per pura sopravvivenza, abbiamo fatto nostri dei comportamenti discriminatori che non fanno che alimentare questo sistema del quale continuiamo a lamentarci.
Prendiamone una a caso .. la Cancellieri: è equo quello che ha fatto? No di certo, eppure “tutti” lo trangugiamo dietro giustificazioni campate per aria. Allo stesso modo di quello che telefona all’amico impiegato per velocizzare una pratica. Che sia di Governo, o della vita di tutti i giorni, è un sistema talmente radicato e diffuso che sarà difficile da cambiare perché molto spesso i primi a richiedere equità sono quelli che l’equità non la praticano.
E se ci sono arrivato io, aiutato dai miei semini, ci possiamo arrivare in molti; e quando i Cretini da invitare a Cena saranno molti, troppi, i padroni di casa inizieranno a far fatica, e non si divertiranno più tanto.
PS: dimenticavo, c’è anche una pianta carnivora ..

Voltastomaco

SnajperUltimamente ho scritto poco, anzi non ho scritto, non so perché, ero un po’ stanco. Oggi mi sono svegliato col malumore, colpa di un libro che parla di guerra, ho fatto fatica a leggerlo, ieri sera mi veniva il voltastomaco. Non solo per le storie terribili raccontate tra quelle pagine, non solo per i segni che una guerra ti lascia addosso per decenni ..

ma per quello che vedo intorno a me:

gente ridicola incapace di gestire un torneo dell’Oratorio .. noi ce l’abbiamo al Governo e in Parlamento, e peggio ancora al Quirinale .. ridicola da far piangere così tanto che addirittura un comico dice delle cose più REALI è più sensate … Una farsa vergognosa nella quale tutti pensano solo a proteggere il proprio orticello ormai secco. Gente che non sa cos’è la fame, cos’è la disperazione .. gente che non sa cos’è la sopravvivenza, gente che non sa cos’è il mondo reale, quello di tutti i giorni .. gente che vive abbarbicata in una Italia virtuale creata da loro stessi convinti che sia quella vera. Gente che non vale niente, che nessuno vorrebbe né come amico né come vicino di casa.

E’ triste pensare che l’incapacità di cambiare o la non volontà di farlo ci lasci macerare in questo schifo; è triste svegliarsi e pensare che solo una guerra ci possa “salvare”: tutti quegli orrori che ti entrano dentro e piano piano ti cambiano, tutto quel dolore che porta le cose essenziali in superficie .. possibile che sia solo questa la ricetta? Possibile che non vi sia un modo oltre alla violenza per sbarazzarsi di questi aguzzini, di questi affamatori seriali, di questi raccontaballe cronici, e mettere in piedi un sistema dignitoso, un sistema normale?

Ma la violenza genera violenza, e questo gruppo di gentaglia che ci “guida” è subdolamente violento, una violenza silenziosa, quella che non lascia i segni, che non fa sanguinare, e che da lontano non te ne accorgi: è come il gas nervino, quello che se lo usa un Siriano gli mandiamo le bombe per punirlo … Ma a Noi, non ci viene a bombardare nessuno?

l’inizio

VdE4 ResizedUna mattina di settembre del 1986 sono sceso presto alla Marina, sono arrivato alle 7, in sella al mio Sì bianco. Era il periodo delle lunghe estati a vela e quella mattina aveva qualcosa di speciale, una novità che ci solleticava sotto alla pelle. Ho posato il motorino, l’ho chiuso con la catena (il Sì aveva già il bloccasterzo, innovazione tecnologica di quegli anni, ma l’abitudine che veniva da anni di biciclette più 2 col vecchio Ciao di mia sorella faticava a scomparire), e ho alzato gli occhi, in quella tiepida mattina, sulla bonaccia che faceva da sfondo a quel momento. Una barca di legno, blue come il cielo, con una vistosa bandiera americana che penzolava a poppa, era all’ancora nel bel mezzo del porto … Aspettava. Mi sono seduto sul muretto a guardarla per 10 minuti, mi è sembrata la cosa più bella che avessi mai visto fino a quel momento, ed ancora oggi quando quell’immagine mi ritorna in mente, provo la stessa sensazione. 

La barca era la prima arrivata al primo Raduno di Barche d’Epoca di Imperia. Attorno a quello spettacolo c’era già un piccolo mondo che lavorava, per preparare la manifestazione, e anch’io ero sceso presto per dare una mano. Ma quei dieci minuti sul muretto non potevo perderli, perché non li avrei mai più riavuti. Sono passati più di 25 anni: tra chi non c’è più, tra chi è potuto tornare, tra chi non c’era ma c’è adesso e chi ci sarà, tutto è cambiato e tutto è sempre lo stesso, nel bene e nel male il Raduno è sopravvissuto, qualche volta per volontà, qualche volta per pura fortuna. 

Le Vele d’Epoca di Imperia, per me sono iniziate così .. una barca blue, con gli alberi di legno, una bandiera che penzola a poppa, quasi a toccare l’acqua, il mare nel porto liscio e fermo, illuminato dal sole del primo mattino. E sono iniziate così per tutti, anche per chi distratto da mille altre cose, non se n’è mai accorto .. Per questo vive in questa Città. 

“Dedicata” al sindaco di Sanremo, che maschera opportunismo politico dietro a false parole di aiuto.

Dedicata ad Imperia.

boe

Prendo spunto dalla campagna elettorale. Perché c’è una cosa che ha attirato la mia attenzione. Uno slogan diceva “il vento è cambiato”, e questo irritava un po’ la mia anima marinara, e soprattutto quella di velista. Improvvisamente ho letto “il vento è girato”; aahh, sospiro di sollievo. Non so da dove sia venuta la modifica, ma il mio inguaribile romanticismo mi fa credere che sia stato Fulvio (P) a mettere a posto questa finezza che non tutti capiranno, ma che io ho apprezzato molto.

attesa ResizedQuante volte. Quante volte abbiamo aspettato che il vento girasse, quante volte è girato all’improvviso, in mezzo ad una regata, quante volte abbiamo sperato che girasse. E non parlo di quando sei in barca a farla, la regata: qui non speri mai che giri il vento, ma vuoi giocare con quello che c’è, anche perché se speri che giri, vuol dire che sei ultimo, o al limite vuol dire che stai aspettando e che non ti diverti. Parlo di quando sei in cabina di regia, quando sei lì che fai delle cose per permettere agli altri di fare una regata.

girodiboa ResizedQuante volte. Con le boe legate al gommone e i pesi pronti, la cesta con la cima che aspetta le gassette (questa è per Mari ♥). Quante volte. Dopo aver dato fondo a tutto il campo devi correre come un cavallo a ritirare tutto su, e dare fondo di nuovo perché il vento è girato.

_FTC8646 copia ResizedSembra facile. Ma ci vuole esperienza e conoscenza e una certa dose di coraggio. Come in tutte le cose. Quando il vento gira non basta saperlo, devi capire dove andrà, dove si fermerà, quando lo farà, e quanto sarai in grado di anticipare per guadagnare minuti preziosi. Quante volte con le boe in mano e Fulvio che scalpita e “scalda” le bandiere, e “peste” che ti dica: <va bene> …. devi deciderlo tu. E mentre decidi devi anche pensare a quanta cima servirà: basterà, non basterà, dovremo giuntarla? APFlag ResizedOk la boa va qui, ma c’è vento e c’è corrente, quindi dove ti metti a dare fondo? più a destra, più al vento? E Fulvio tira giù l’intelligenza (per i profani, non è un insulto .. è una bandiera).

E ce ne fosse solo una di boa da mettere!

rientro ResizedMettere le boe non è uno scherzo. E’ più importante del vento che gira. Finché non gira, è facile dar la colpa al vento, non c’era …. tutti assolti. Ma se il vento gira e non sai come mettere le boe in quattro e quattr’otto, allora son dolori. Arriva presto la sera, e non sei riuscito a fare la regata. E quando arrivi a terra vedi le facce di tutti i regatanti che credevano in te, sicuri che avresti buttato giù le boe in tempo, per fare quella prova fantastica, regalata dal vento che finalmente è girato, la prova decisiva, quella che porta lo scarto in classifica, facendola diventare giusta ed equilibrata. E quelle facce sono scure, deluse e arrabbiate: il vento c’era, le boe no ….

… non ci sono scuse.

PS: grazie a © Fabio Taccola per le foto di questo post.