ImperiaNoVela (English version)

6After having read the piece published by ImperiaPost on the request of discussion about Assonautica Imperia and Vele d’Epoca during the next City Council raised by Councilman Mr Casano, I took the opportunity to write and publish a letter to explain my standpoint around this matter, because I’m feeling the issue is not clear enough and every discussions or talks I’m hearing are reductive.

_FTC8646 copia ResizedThe letter has been addressed to the Mayor and City Board, the City Council, the Chairman of the Imperia Chamber of Commerce, the Assonautica Board, the Chief of Coast Guard of Imperia and the local news editors.

7

The title is a wordplay about sailing (Vela in Italian), inspired by my friend Gianluca during a chat around this difficult situation, trying to recall the latinian TV series with 5000 episode and never ending stories, called telenovelas: ImperiaNoVela.

Here below the text of the letter.

Per la versione in Italiano clicca QUI

ImperiaNoVela

Dear Madams, dear Sirs,

following what published on local webnews on the request raised by Mr Casano (thank you Mr Casano for your interest) to talk about Assonautica Imperia and Vele D’Epoca during the next City Council session, I’m sending you this letter as Citizen of Imperia, professional in the Marine industry, Sea passionate and last but not least Board member of Assonautica Imperia, to clarify my standpoint on the complicate situation of Assonautica Imperia, situation explained in several circumstances and places but still confused.

Assonautica Imperia is a very important and interesting resource into our Community, this is why I need to express my point of view, in order to clarify as much as possible the sad situation composed by many different implications, touching everybody, also who thinks is not involved.

Unfortunately, although (and finally) some attention has been expressed, I observed that also this time the only topic highlighted was the Vele d’Epoca, important matter for sure, but as already explained in many circumstances, are not only the Vele d’Epoca involved in this issue.

Circumscribe the discussion to Vele d’Epoca only in the eventuality of City Council session will be even more reductive, looking at the big picture of the opportunity missed and wasted.

Calata Anselmi2Introduction

The Team

I embraced with enthusiasm the invitation to join the Team of Assonautica Imperia because I saw a huge potential and I got the impression that the ground was fruitful to give a quality boost to the marine and nautical development in our zones. I’m into the Nautical world for 30 years now (participating already in the Board of Assonautica and some Sailing Club in the past) and Sailing is my passion and Sailing Industry my job; so I’m not new to these kind of experiences, but this time I really felt something more: a real group, with the right mix, rich in knowledge, competences, dedication, in other words a very special powerful Team.

The offer

In a period when Nautical and Marine activities are in deep crisis everywhere, and in our Town too, becasue of incompetencies, wrong decisions and missed opportunities, making available work, ideas and projects of a so strong Team was seeming something to be pounced on. The mandate of Assonautica Imperia Board proposed to association’s Members when elected was certainly ambitious and challenging but very clear: the Mission was to be the fly-wheel of development, improvement, spreading and support of nautical and marine activities in the Province, building the necessary facilities, without duplicating what already existing. We have driven this mandate proposing an idea and the relevant project that, placing the Vele d’Epoca among many other opportunities to work on, stretched from the marine Culture, to the sport and management of sport and turistic events, pull alongside the Vele d’Epoca other new high-level events to create appeal and revenue not only every other year but with more frequency. We were not asking anything in return for it, just the right spaces needed for above activities and to manage some moorings to support Assonautica and re-invest all revenues into new facilities, premises and activities. We didn’t ask for money or public contributions, just the opportunity to access to manage the docks of Calata Anselmi (through the available legal-administrative ways and solutions), the historic location of Vele d’Epoca, a minimal requirement compared to the return generated for our Community. We just asked to make Assonautica Imperia independent, to weigh less and less on the public contribution and to be at entire service of the Community at a cost close to zero for it. I would also highlight new spaces and facilities would have been openly available for all Associations operating in the field, because our idea/project was not considering to substitute to them, but give them an outlet for their potential.

2015-01-15 11.11.34 ResizedWhy the stop to Assonautica’s project

The lack of will

Also if the (very few) answers we received (often disguised by strategic silences) are all about bureaucracy or the legal-administrative juncture of the Marina of Porto Maurizio, is cristal-obvious that the stop to this project came from a lack of will or from a different will, (depending of the point of view) becasue solutions and positive situations to discuss the problem and find the key were available, and are available. Bureaucracy is an easy shield to avoid discussion and bounce back problems.

Direct lack of will by City Board that clearly didn’t aim to embrace this idea/project.

Indirect lack of will by Chamber of Commerce that would have helped and supported more Assonautica Imperia through these steps.

In this context we have got only the attention and support of Coast Guard of Imperia that, among their competencies and jurisdiction, they have been always open and available to look for necessary solutions.

The unsatisfactory answers

As said above, hidden behind the excuse of bureaucracy, the Mayor (also appointed to Port management), also if initially gave precise addresses on where develop our project, suddenly changed route without offering alternatives, de facto blocking any progress. Changing mind is ok, of course, but the way has been done and the following closure to further discussion is at least inexplicable.

The City Board, although some Members were aware of the situation, they never openly express enough attention and they never approach the problem inside the Board to stimulate productive discussions.

The City Council, also I presume they are all aware of it, considering since last December the local news talks about it, expressed little interet just in very few occasion until today with Mr. Casano letter, the very first time someone raise an hand.

The Chamber of Commerce just hold on waiting without any interaction.

The misunderstanding

The set of problems here have been always reducted to the Vele d’Epoca matter, an important one for sure, but not the main one. The Assonautica Team was called to work on much more wide Mission, that beyond the Vele d’Epoca, was envisaging the improvement of activities around Sailing, Windsurfing and Surfing (school, leisure, recreational, sports, sports events, packages for Teams and groups), reintroduces disappeared activities as Rowing and Kayaking (both at sport and recreational levels), top-level events organization similar to Vele d’Epoca, sinergies with the Naval Museum, the Nautical High School “Andrea Doria”, the shipyards, looking to develop tourism and to recover the historical marine culture and traditions, creating also new and bigger job opportunities. Too bad, everything has been reduced to talks only around the Vele d’Epoca, an easy thing to solve if approached in time with the necessary knowledge.

The lack of Vision

While the Assonautica Team is having a clear and firm Vision and Mission to achieve, outside there isn’t any wide, shared and sharp Vision of where they want to go, and this creates a huge difficulty to engage with the Institutional side about the project we were working on. Unfortunately every situation is treated as an isolate one and so there is no way to have proactive, dynamic talks and discussion starting from an idea and arriving to a result. A small but serious example is when Assonautica had been forced to dismantle all the structures built for IWR2014, wasting a remarkable investment instead making it fruitful for the Community.

Newport1 ResizedWhat I see today

The missed opportunity

As Member of Assonautica Board and Imperia Citizen I found extremely negative the address of closure and stop of this project because it was a great opportunity for the whole Community. Great opportunity because against an investment in spaces and a “change of management” of some berths (on the other hand not particularly profitable now) the Community would have got back a lot in terms of revenues, collateral activities and the image of the City and the Marina. All this without using public money but using private investments: just to highlight at today Assonautica Imperia is already living with the 80% of her resources coming from private sectors.

The frustration

All above grew in me a wide sense of frustration, seeing the huge (and I want to underline huge) investment done, investment of intellectual work, brain power, time and personal sacrifice, all energies that didn’t bring a result.

Resuming, these above are the reasons of the problem around Assonautica Imperia, to clarify the missed opportunity came only from the indifference and the lack of interest that surrounded, and still surround, ourselves. This indifference, with some presumption of people that needs help but refuses it, is also going very close to be lack of respect and consideration to other people’s work, knowledge, time and life.

My contribution is stimulated by a strong civic-mindedness and the will of help in revamp and cheer up a Community these days in a critical and difficult situation, but this Institutional deafness today is not allowing me to continue wasting my Time, that is the only treasure I have available.

Imperia – July 27th, 2015

Best RegardsDSC_0068 - Versione 2 Resized

ImperiaNoVela

6A seguito dell’intervento del Consigliere Comunale Dott. Casano sulle problematiche relative a Assonautica Imperia e Vele d’Epoca, ho deciso di scrivere e pubblicare una lettera per esporre il mio punto di vista sulla questione, perché continua a esserci poca chiarezza attorno a questo problema e le discussioni che affiorano sono a mio avviso molto riduttive.

_FTC8646 copia ResizedLa lettera è stata indirizzata al Sindaco e alla Giunta Comunale, al Consiglio Comunale, al Presidente della Camera di Commercio di Imperia, al Direttivo di Assonautica Imperia, al Comandante della Capitaneria di Porto di Imperia e alle testate giornalistiche locali.

7Il titolo, e qui ringrazio Gianluca con il quale abbiamo sorriso (per non piangere) sulla triste situazione, vuole racchiudere la storia di un problema che a Imperia ha già raggiunto 5000 puntate, o forse più, ma del lieto fine neanche l’ombra: ImperiaNoVela

Ecco il testo della lettera.

To read the ENGLISH version, please click HERE

Oggetto: ImperiaNoVela

Gentili Signore e Gentili Signori,

facendo riferimento a quanto appreso dai notiziari online riguardo alla richiesta del Consigliere Dott. Casano, che ringrazio per l’attenzione, di discutere l’argomento Vele d’Epoca nel prossimo Consiglio Comunale, in qualità di Cittadino imperiese, operatore nel settore dell’industria nautica, appassionato del Mare e altresì Consigliere di Assonautica Imperia, vi invio la presente per chiarire il mio punto di vista sulla situazione di Assonautica Imperia che, nonostante sia stata spiegata a più riprese, sembra sia ancora confusa.

Visto l’interesse e l’importanza che Assonautica Imperia ricopre all’interno della nostra Comunità, sento di dover esprimere la mia posizione, con lo scopo di chiarire fin quanto possibile questa triste situazione che tocca tutti, anche coloro che potrebbero sentirsi non coinvolti, visti i numerosi risvolti di cui è composta.

Purtroppo, nonostante e finalmente sia stato espresso un certo interessamento alla questione, ho dovuto constatare che anche in quest’occasione tutta la problematica è stata riportata alle sole Vele d’Epoca, ma come già spiegato in più sedi non sono le sole Vele d’Epoca ad essere coinvolte.

Circoscrivere la discussione alle sole Vele d’Epoca nell’eventualità del Consiglio Comunale sarà oltremodo riduttivo, vista la grande opportunità gettata al vento.

Calata Anselmi2Premessa

La squadra

Ho accolto con grande entusiasmo l’invito a unirmi alla squadra di Assonautica Imperia in quanto avevo visto un’enorme potenzialità e avevo avuto l’impressione che il terreno fosse fertile per dare un’accelerata e una spinta di qualità allo sviluppo della nautica nel nostro territorio. Gràvito nel mondo della nautica da trent’anni circa (durante i quali sono già stato consigliere sia di Assonautica in passato, sia di Club Velici della Città) e la Vela oltre che la mia passione è anche il mio lavoro; per cui nonostante non sia nuovo a esperienze di questo tipo, questa volta avevo visto qualcosa in più: una vera squadra ricca di competenze, di conoscenza e di determinazione, insomma un potenziale veramente speciale.

L’offerta

In un momento in cui la nautica è in crisi a livello generale, e nella nostra Città specialmente a causa del protrarsi nel tempo di incompetenze, decisioni sbagliate e opportunità non sfruttate, mettere a disposizione il lavoro, le idee e i progetti di una squadra così forte sembrava qualcosa che sarebbe stato colto al volo. Il mandato che il Consiglio Direttivo di Assonautica Imperia ha proposto ai soci e per il quale è stato eletto era forse ambizioso, ma molto chiaro: essere da volano per lo sviluppo, il miglioramento, la diffusione e il supporto alle attività nautiche in Provincia, strutturando dove necessario, senza duplicare quanto esistente. Abbiamo interpretato questa Missione proponendo un’idea e un relativo progetto che, facendo delle Vele d’Epoca una delle tante opportunità su cui lavorare, spaziasse dalla cultura nautica, all’agonismo, alla gestione di eventi sportivi e di richiamo turistico, affiancando alle Vele d’Epoca altre manifestazioni analoghe in modo da creare richiamo e indotto non solo una volta ogni due anni, ma con più regolare frequenza. Non si chiedeva nulla in cambio, se non gli spazi necessari sia allo svolgimento delle suddette attività, sia alla gestione di alcuni ormeggi al solo scopo di sostenere l’Associazione e re-investire i proventi nelle strutture necessarie e nelle attività. Non abbiamo chiesto soldi o contributi, ma la possibilità accedere alla gestione di Calata Anselmi (attraverso le vie e gli strumenti legali amministrativi disponibili), molto poco in confronto al beneficio che il territorio avrebbe avuto. Abbiamo chiesto solo la possibilità di rendere Assonautica Imperia autonoma, per gravare ancora meno sulle spalle della contribuzione pubblica e per essere a servizio della Comunità a costo pressoché nullo. Tengo a precisare che spazi e strutture sarebbero state a disposizione di tutte le Associazioni che operano nel settore, di tutta la Provincia, e che il nostro progetto non prevedeva di sostituirci a chi da sempre combatte in questo settore, ma di dar loro lo sbocco e liberarne le potenzialità

2015-01-15 11.11.34 ResizedLe ragioni dello stop al progetto Assonautica

La mancanza di volontà

Anche se le (pochissime) risposte che abbiamo ottenuto (trasformate spesso in silenzi strategici) tirano in ballo la burocrazia o la congiuntura legale-amministrativa del bacino portuale di Porto Maurizio, è lampante che lo stop al progetto sia arrivato solo per mancanza di volontà o per diversa volontà (a seconda dei punti di vista) perché le soluzioni e le situazioni positive alla discussione dello stesso c’erano e ci sono tutt’ora. La burocrazia è un facile scudo da usare per rimbalzare ed evitare le discussioni.

Mancanza di volontà diretta dell’Amministrazione Comunale di Imperia che non ha voluto abbracciare questa opportunità.

Mancanza di volontà indiretta della Camera di Commercio di Imperia che avrebbe potuto interessarsi di più e aiutare Assonautica in questa fase.

In questo panorama abbiamo invece ricevuto attenzione e supporto dal Comando e dagli uffici della Capitaneria di Porto di Imperia che, per quanto di loro competenza, hanno sempre dimostrato apertura e disponibilità alla risoluzione delle problematiche in essere.

Le risposte insufficienti

Come già accennato, trincerato dietro la scusa della burocrazia, il Sindaco e Assessore ai Porti, che inizialmente ci aveva dato precise indicazioni su dove sviluppare il nostro progetto, ha improvvisamente cambiato idea senza affrontare un discorso costruttivo alternativo, di fatto precludendo qualsiasi progresso. Cambiare idea è lecito, ci mancherebbe, ma il modo e la successiva totale chiusura sono risultati a dir poco incomprensibili.

La Giunta Comunale, nonostante alcuni componenti fossero al corrente di quanto stava succedendo, non ha evidentemente mai espresso un sufficiente interesse o provato ad esprimere nelle sedi amministrative diversa opinione o stimolare costruttive discussioni.

Il Consiglio Comunale, nonostante presumo sia informato visto che comunque da Dicembre gli organi locali di stampa descrivono questo problema, ha espresso solo sporadico interesse (sporadico fino ad oggi) e comunque mai dall’ala della maggioranza.

La CCIAA è stata alla finestra, a guardare gli eventi.

L’incomprensione

L’essenza della problematica qui esposta è stata sempre ridotta alla questione Vele d’Epoca, questione sì importante, ma non principale. La squadra di Assonautica era chiamata a lavorare su un progetto ben più ampio, che oltre alle Vele d’Epoca, prevedeva il potenziamento delle attività legate alla Vela al Windsurf e al Surf (scuola, diporto, ricreazione, agonismo, eventi sportivi, turismo sportivo, stage per squadre sportive), al rilancio di attività scomparse nel tempo come la Canoa ed il Canottaggio (sia a livello sportivo che ludico/ricreativo), organizzazione di eventi del calibro delle Vele d’Epoca, sinergie con il nascente Museo Navale, con l’Istituto Nautico Andrea Doria, con i Cantieri Navali in un’ottica di sviluppo turistico e di recupero della cultura marinara e nautica, e della creazione di nuove o maggiori opportunità di lavoro. Invece, il tutto è stato ridotto a una sterile discussione sulle sole Vele d’Epoca, problema di facile risoluzione se affrontato in tempo con le necessarie competenze.

La mancanza di una visione

Mentre in Assonautica la Visione e la Missione della squadra al lavoro è estremamente chiara, al di fuori non esiste una visione ampia e aperta su dove si voglia andare e su cosa si voglia raggiungere, e questo determina una grossa difficoltà a relazionarsi con la parte istituzionale sul progetto su cui stavamo lavorando. Purtroppo ogni situazione viene affrontata a singoli comparti stagni (vedi sopra il problema “progetto generale-capitolo Vele d’Epoca”) e dunque non c’è modo di costruire dinamicamente un progetto partendo da un’idea ed arrivando al risultato. Esempio piccolo ma eclatante (e pesante per Assonautica) il montaggio e lo smontaggio degli scivoli e dei pontili usati per IWR2014, l’ennesimo investimento non messo a frutto (sprecato).

Newport1 Resized

Cosa vedo oggi

La mancata opportunità

Come Consigliere di Assonautica e come Cittadino ho trovato profondamente negativo l’indirizzo di chiusura e affondamento di questo progetto in quanto rappresentava un’opportunità d’oro per tutta la nostra Comunità. Opportunità d’oro perché a fronte di un “investimento” in spazi e al “cambio di gestione” di alcuni posti barca (peraltro ultimamente poco utilizzati) ci sarebbe stato un ritorno sia di immagine (per la Città e per il Porto), sia di indotto sul territorio, sia economico, il tutto senza la necessità di attingere alle casse pubbliche ma con l’intento di finanziare in via privata (come del resto già succede in Assonautica: le risorse di cui dispone sono private a tutt’oggi per 80%)

La frustrazione

Tutto quanto riportato sopra mi ha prodotto un senso altissimo di frustrazione, nel vedere l’enorme (e voglio sottolineare enorme) investimento che è stato fatto, investimento intellettuale, di tempo e di rinunce che purtroppo non ha portato a nulla.

Queste dunque le ragioni del problema generatosi attorno ad Assonautica Imperia, a chiarimento anche del fatto che la mancata opportunità è dovuta al completo disinteresse che ci ha circondato, e che ci circonda tutt’ora, disinteresse che, unito a un po’ di quella presunzione di chi non si vuol far aiutare quando ne ha un estremo bisogno, rischia anche di oltrepassare il confine del rispetto del lavoro svolto e della conoscenza spesa.

Il mio apporto è stimolato da un forte senso civico e di volontà nel cercare di aiutare a risollevare situazioni a dir poco complicate, ma la sordità istituzionale oggi non mi permette più di continuare a sprecare il mio Tempo, l’unica ricchezza di cui dispongo.

Imperia, 27 luglio 2015

Cordiali Saluti

DSC_0068 - Versione 2 Resized

traghetto, no grazie!

IWR Oneglia 1 ResizedDa qualche settimana leggo notizie riguardanti un possibile accordo per avere un traghetto che faccia scalo ad Imperia Oneglia. A parte che non capisco chi è che sta trattando questa questione, in assoluto silenzio, senza fare i conti con la Città e i cittadini, come se si parlasse di aggiungere una linea di autobus.

Il traghetto è già venuto a Oneglia, infatti c’è anche lo scasso nella banchina per la rampa … credo circa 30 anni fa: Canguro Lines, me lo ricordo ancora, ero un bambinetto, ed eravamo abituati a vedere il porto di Oneglia con un bel traffico di navi, grano, olio, macchinari per la FIAT, il traghetto … c’erano i binari ed arrivavano sulla banchina i carri merci per essere caricati. Sicuramente è un ricordo suggestivo, ma in 30 anni Imperia è cambiata molto, e non si può far finta di non accorgersene.

Sono totalmente contrario al traghetto. Non ci vedo nulla di positivo, né per la Città, né per il porto. Il traghetto è un servizio di linea, non porta turismo, porta solo traffico; porta gente di passaggio, e di fretta; porta file di auto e camion; nessuno delle persone di passaggio girerà per la città per spendere qualche soldo, tutti arriveranno il più tardi possibile per limitare l’attesa, e chi arriverà prima andrà in albergo? noo, bivaccherà in macchina, come facciamo tutti quando andiamo a prendere il traghetto a Genova o a Savona.

Imperia non è strutturata per il traffico, per lo stazionamento di lunghe file di vetture, il Porto di Oneglia non è più strutturato per un traffico commerciale (sì, un traghetto è traffico commerciale, non turistico).

Ci immaginiamo la “folla” diretta in Tunisia che va a pranzo in uno dei locali di Calata Cuneo? No. Non ci andranno. Qualche panino, bottiglie d’acqua e di Coca Cola, forse, fino a quando qualcuno darà una bella concessione per aprire un punto di ristoro nella “stazione marittima” ed ecco magicamente tutti i commercianti di nuovo all’asciutto.

A proposito, la “stazione marittima” … chi ha preso un traghetto recentemente? a Genova, a Savona o a Livorno, per esempio? sono porti giganteschi, con strutture attrezzate … a Oneglia dove la facciamo la Stazione Marittima?

Il servizio dal traghetto si può fare in una grande città dove la viabilità può assorbire il traffico, dove esistono già altre strutture, dove c’è una zona portuale e commerciale sufficientemente grande ed attrezzata. Non si può pensare di farlo in un piccolo centro come il nostro.

Senza dimenticare che tutta la zona di carico e scarico deve essere sotto Dogana e Polizia, sì, esattamente come una frontiera internazionale, per il controllo del carico e dei passeggeri … ecco qui, un passo indietro di vent’anni, invece di liberare questo magnifico Porto dai vincoli doganali e commerciali, si inventa qualcosa per rafforzarli.

Non sarà che il traghetto è una marchetta da pagare a qualcuno?

Traghetto? NO GRAZIE